Single Blog

  • Home
  • Rito della sabbia. Cosa è?
Rito della sabbia. Cosa è?

Rito della sabbia. Cosa è?

Hai mai sentito parlare del rito della sabbia all’interno del matrimonio? No? Perfetto sei nel posto giusto. Di seguito ti spiegherò quali sono le origini e soprattutto il significato di questa celebrazione. Non solo, ti descriverò come organizzare una cerimonia unica, come svolgerla, quali formule recitare etc.

Devi sapere che il rito della sabbia è una scelta molto diffusa tra le coppie moderne, una cerimonia romantica, diversa, unica che accompagna il più delle volte il matrimonio civile.. Ma quali sono le vere origini di questo rito? Come si svolge? Cosa devi dire o recitare?

Cos’è il rito della sabbia?

 

sabbia sabbia

 

Le origini di questo rito sono da ricercare in tempi molto lontani, nello specifico si fanno risalire alle tribù nativo-americane o hawaiane, popoli che si sposavano sulla sabbia senza utilizzare edifici sacri.

Questo rituale rappresenta l’unione di due vite in una sola, l’unione di due anime e l’inizio di un nuovo percorso insieme che durerà per tutta la vita.

Dove viene celebrato?

 

sabbia sabbia

Questo tipo di rito è molto celebrato tra gli sposi che scelgono il rito civile, ma può essere celebrato anche all’interno della classica funzione religiosa se si  riesce ad ottenere l’approvazione del parroco.

Se scegli insieme al tuo futuro marito questo rito, dovrai procurarti tre vasi e della sabbia di due colori diversi. Una per lo sposo, una per la sposa.

Come funziona?

 

sabbia sabbia

Gli sposi dovranno versare la propria quantità di sabbia dal loro contenitore a un terzo contemporaneamente. La sabbia si unisce continuando a mantenere i due colori originali che rappresentano la futura vita insieme di due elementi, due anime inizialmente separate.

Alla fine il vaso verrà chiuso e in quetso modo gli sposi potranno conservarlo. Durante il rituale di primaria importanza è l’accompagnamento musicale: la coppia di sposi potrà scegliere la loro canzone preferita oppure un sottofondo più religioso, a seconda dei loro gusti.

Se decidete di optare per questo rito avendo già dei figli, anche questi ultimi potranno versare la sabbia in colori diversi nel recipiente finale. Potrebbe essere la cerimonia perfetta per anniversari importanti (50 anni di matrimonio) oppure per rinnovo dei voti.

 

Cosa dire durante il rito?

Cosa si deve dire durante questa cerimonia? Ti rassicuro subito dicendo che non esiste una formula vera e propria, ma dipende dalla volontà tua e del tuo futuro marito. Potete scegliere di scambiarvi riti scritti da voi, oppure dare il compito a uno dei testimoni di leggere la vostra poesia o un testo significativo per voi come coppia.

Se nessuna di queste soluzioni vi appaga, potete sempre chiedere all’officiante di leggere un testo per il rito della sabbia, che tratti l’unione spirituale tra due anime:

(Nome dello sposo) e (nome della sposa),
prima di incontrarvi avete vissuto due vite separate, avete sognato e desiderato cose differenti. Poi un giorno le vostre strade si sono intrecciate, vi siete innamorati e oggi vi trovate qui di fronte a noi per iniziare un nuovo viaggio insieme.

I contenitori con la sabbia colorata simboleggiano il vostro percorso di vita, la vostra unicità e tutto ciò che vi ha modellato come persone. Questo grande vaso è la vostra vita futura, la sabbia che verserete sarà la vostra unione. L’unione delle vostre famiglie e di voi come individui. Come questi granelli di sabbia oggi si uniscono in questo disegno, così le vostre vite ora si sono unite e hanno formato una famiglia.

L’amore è la forza eterna della vita. L’amore è la forza che ci permette di affrontare la paura e l’incertezza con coraggio. Ma anche se condividerete la vita, non dimenticate di essere due persone distinte. Coltivate e affermare le vostre differenze. Amatevi l’un l’altro. Mantenetevi fedeli al vostro impegno.
Insieme potrete ridere e piangere, essere in salute e in malattia, felici e arrabbiati, condividere e crescere. Crescere a volte insieme, a volte separatamente
.

 

 

Fonti: Pinterest

Leave a Reply